Dott. Gianfranco Lamberti

UNITA' SPINALE E RIABILITAZIONE INTENSIVA

Sono Direttore della Unità Spinale e Riabilitazione Intensiva dell’AUSL di Piacenza. I due reparti accolgono attualmente 34 pazienti in Unità Spinale e 21 pazienti in Riabilitazione Intensiva.

Entrambi i reparti svolgono attività di ricovero e ambulatoriale. Vengono ricoverati pazienti con:

  • lesioni midollari acute in Unità Spinale per riabilitazione ad alta specializzazione anche a seguito di complicanze
  • lesioni traumatiche, vascolari e a patogenesi anossica recenti
  • malattie del Sistema Nervoso Centrale e Sistema Nervoso Periferico con grave disabilità
  • politraumatismo osteoarticolare o in esiti di protesizzazione di anca e di ginocchio

Le persone assistite, supportate dal team riabilitativo (fisiatri, infermieri, fisioterapisti, logopediste, neuropsicologa, assistente sociale ed operatori socio-sanitari) seguono un progetto riabilitativo individuale al fine di ottenere il massimo recupero possibile, contenere la disabilità e favorire quando possibile il reinserimento socio-familiare.

Il Piano di organizzazione e sviluppo
della Sanità di Piacenza

Rete ospedaliera, rete territoriale e sviluppo aziendale
della AUSL di Piacenza

3.2.1 L’ospedale di Fiorenzuola d’Arda nella rete provinciale

L’ospedale di Fiorenzuola si caratterizzerà in modo molto forte come il polo riabilitativo focalizzato sull’alta complessità dell’Emilia Nord (interprovinciale), concentrando tutte le funzioni riabilitative specialistiche presenti sul territorio provinciale e sviluppando quelle
oggi non presenti:

  • Unità Spinale (dalla sede di Villanova), che funge da elemento di altissima specialità trainante
    per l’intero settore riabilitativo
  • Unità di RRF neuromotoria a valenza interprovinciale, comprensiva dell’assistenza Gracer
  • Unità di RRF cardiologica e respiratoria a valenza interprovinciale
  • Unità di RRF ortopedica per il bacino distrettuale

Come illustrato prima, al paragrafo Errore. L’origine riferimento non è stata trovata., la collocazione dell’Unità Spinale all’interno del polo riabilitativo di Fiorenzuola consentirà di realizzare quegli importanti potenziamenti per il conseguimento dei più alti standard assistenziali, tecnologici e di accreditamento, essenziali per la permanenza dell’Unità Spinale nella provincia di Piacenza: area sub-intensiva, contiguità a un polo radiologico con TAC e
RMN, alte tecnologie e specialisti dedicati.
L’area medica diventerà riferimento sia per le attività di base che per le linee specialistiche di I livello per tutto il distretto, integrandosi con l’ospedale di Piacenza per le linee di II livello.
L’obiettivo è quello di mettere in condizione l’ospedale di gestire casistica più complessa di quella attuale. Verranno quindi sviluppate e potenziate le competenze di tipo cardiologico, pneumologico, neurologico ed endocrinologico. Inoltre, è prevista l’attivazione di 6 posti letto di degenza breve di Pediatria: si tratta di alcuni letti di continuità assistenziale a gestione prettamente infermieristica per l’assistenza a bambini e ragazzi dal mese di vita ai 16 anni affetti da malattie acute e croniche. Generalmente, le patologie di tipo medico acuto afferiscono al Pronto Soccorso, o per accesso diretto della famiglia, o inviate dal medico curante, dopo valutazione ambulatoriale; con l’attivazione di questi posti letto, il Pediatra di Libera Scelta (PLS) potrà visitare un suo paziente e disporne l’invio alla degenza temporanea pediatrica tendenzialmente per un periodo limitato (di 24 – 36 ore) in un ambiente dove sono presenti solo infermieri, che fanno riferimento per ogni decisione al PLS, che rimane nel proprio studio ma che può recarsi in ospedale e disporre di tutto ciò che gli serve ricorrendo alle risorse della struttura. Stessa soluzione viene ipotizzata anche per gli adulti, aggiungendo alla Medicina alcuni posti letto di continuità assistenziale (ancora da decidere il numero), in cui gestire pazienti dimissionabili ma che non possono fare ritorno a casa per problemi sociali o ambientali e che potrebbero così avere qualche giorno di ricovero di sollievo, in attesa di trovare soluzioni più stabili. Inoltre, alcuni posti letto dell’area medica verranno utilizzati per la degenza post-chirurgica dei pazienti operati in urgenza all’ospedale di Piacenza, al fine di riavvicinare il paziente in terza o quarta giornata.

Per quanto riguarda l’area chirurgica, nel Blocco A verranno realizzate due nuove sale operatorie, di cui una attrezzata anche come sala endoscopica: l’attività chirurgica dell’ospedale sarà orientata all’assolvimento di tutte le necessità del bacino di riferimento per prestazioni di Day Surgery e chirurgia ambulatoriale, diventando il centro di riferimento provinciale per la chirurgia flebologica; in particolare, viene sviluppata l’attività di chirurgia ambulatoriale in anestesia locale (NORA), che ha lo scopo di ridurre drasticamente le liste d’attesa. Vengono anche sviluppate le aree di attività di diagnostica e interventistica
endoscopica, compresa la chirurgia laparoscopica.

La concentrazione dell’attività riabilitativa specialistica determinerà un rafforzamento dell’attività specialistica ambulatoriale nelle discipline direttamente coinvolte, e infatti è prevista l’attivazione di due ulteriori ambulatori specialistici, quello di pneumologia e quello di neurologia.
L’ospedale manterrà inalterato il PS H24, che anzi verrà migliorato in termini di capacità risposta, anche attraverso una maggiore integrazione con la radiologia, potenziata nella strumentazione. Inoltre, la struttura disporrà di un servizio di emergenza professionalizzato, con un’ambulanza e un infermiere professionale, che operi in integrazione col volontariato e sotto il coordinamento della centrale operativa; viene inoltre confermata la possibilità per medici e infermieri di partecipare a corsi di medicina di urgenza, per una formazione multiprofessionale e integrata.
La riorganizzazione restituirebbe a Fiorenzuola una struttura con 146 PL, a cui aggiungere i posti letto dedicati alle cure intermedie per bambini e adulti (che non vengono conteggiati nel totale dei PL). Sono evidenziati in rosso le nuove attività di specialistica ambulatoriale. Completa la riorganizzazione la previsione di rendere Fiorenzuola la sede della Scuola di Fisioterapia di Parma e, stante l’accordo dell’Università di Parma, anche di Fisiatria, in coerenza con il ruolo di polo riabilitativo di riferimento interprovinciale che l’ospedale andrà a ricoprire.
Tale riorganizzazione conferisce allo stabilimento di Fiorenzuola le caratteristiche per diventare un polo riabilitativo specialistico sovraprovinciale, con particolare riferimento al confinante territorio di Parma, fino ad arrivare a Reggio Emilia, a contrasto della mobilità passiva e a conferma dell’attuale posizionamento per la parte più specializzata. L’ospedale di Fiorenzuola, così riorganizzato, rappresenterebbe una delle sedi dei percorsi di presa in
carico dei pazienti cronici, in integrazione e coordinamento con le Case della Salute e i servizi territoriali del bacino di riferimento.

AMBULATORIO DIAGNOSI E RIABILITAZIONE PERINEALE

E’ in fase di attivazione l’Ambulatorio Rieducazione Perineale, che si occupa dei disturbi vescico-sfinterici di origine neurologica o
uro-ginecologica (incontinenza urinaria maschile e femminile, ritenzione urinaria, disuria, dolore cronico perineale, stipsi, incontinenza fecale, deficit erettile
postprostatectomia) volti alla diagnosi, riabilitazione, educazione e prescrizione ausili per le disfunzioni perineali.
Prestazioni erogate:

  • visita fisiatrica;
  • valutazione di primo livello (diario vescicale, pad test, uroflussometria, valutazione del residuo post minzionale, ecografia della parete addominale per la valutazione della diastasi dei muscoli retti ecc…);
  • valutazione di secondo livello (esame urodinamico);
  • cinesiterapia perineale;
  • elettroterapia (per stimolazione e per analgesia);
  • biofeedback elettromiografico vescico – sfintero – perineale
  • biofeedback manometrico per incontinenza fecale post-chirurgica e stipsi da struita defecazione
  • prescrizione ausili per l’incontinenza urinaria;
  • addestramento all’ autocateterismo vescicale ed alla irrigazione transanale

DOVE
Ospedale di Villanova Sull’Arda ‘Giuseppe Verdi’
Via Dante Alighieri 23
29010 Villanova sull’Arda (PC)

COME SI ACCEDE?
Alla visita fisiatrica si accede con prescrizione medica.
La prenotazione della visita può essere effettuata tramite prenotazione telefonica contattando:

  • Segreteria 0523833813
  • Reparto 0523833855
  • direttamente al 3358296803.

Curriculum

Scarica il file PDF in italiano

Curriculum

Download the English PDF file

La struttura complessa di Neuroriabilitazione dell'ASL CN1

La riabilitazione dell'incontinenza urinaria

Giornate di Studio SIMFER Sardegna 2018

La vescica neurologica. Trattamento conservativo e riabilitazione

©2019 Riabilitare.eu | C.F. LMBGFR58E15L219E

Powered by PaperStreet

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account